Fanta, la nostrissima bevanda

Fanza nazista, bevanda nazista, coca cola

Con l’ingresso degli Stati Uniti nella II Guerra Mondiale, le importazioni di Coca Cola in Germania furono interrotte. Max Keith, capo dell’azienda in Germania ed entusiasta nazista, provò a inventare un’alternativa da sottoporre al mercato tedesco. Convogliò in una sola bevanda tutti gli ingredienti che poteva recuperare – dai resti del sidro di mela, agli scarti della produzione del formaggio, alla frutta che poteva reperire in Italia – e scelse Fanta come nome, “fantasia” in tedesco. Anche con l’aggiunta di ingenti quantità di zucchero la bevanda non doveva avere un sapore molto simile a quello di oggi, visto che ben presto, durante le fasi peggiori della guerra, si cominciò a usarla come zuppa.

Quando, dopo la guerra, il distaccamento tedesco si riunì con la casa madre, questa ne dismise la produzione. Passarono dieci anni e la Pepsi, storica competitrice della Coca Cola, cominciò a introdurre sul mercato internazionale diverse bevande alternative. Come risposta la Coca Cola rispolverò il marchio Fanta e ne fece una bibita a base di arance, quella che tutti conosciamo – almeno al di fuori dagli Stati Uniti.

(Segnalazione Gironi)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...